martedì 1 febbraio 2011

darci dentro

ogni decade che passa penso che sia quella giusta.
sarà che non ne imbrocco una, o che più probabilmente sbrocco in fretta, ma la necessità di cambiare, di nuovo tutto e in modo repentino, è forte.
rigetto l'idea della società che avanza, dentro me so che vorrei vivere di poco e nulla, pormi domande senza trovare risposte e lasciare che la natura parli per me.
non so chi sia stato il cretino ad inventare le divisioni, il progresso e l'ambizione.
chi non ne ha bisogno si trova sempre disadattato.

6 commenti:

  1. non c'entra un cazzo.
    oggi t'ho pensata.

    RispondiElimina
  2. wow, grazie, mi piace essere pensata.
    ma cosa hai pensato?

    RispondiElimina
  3. il disadattato oggi è molto cool.

    RispondiElimina
  4. ho conosciuto una tipa che mi ha parlato del suo modo di "mangiarsi il proprio dolore fisico". mi è piaciuta subito. e alla fine le ho chiesto come si chiama (non lo faccio mai, cazzo e so bene perché) e lei mi ha sorriso e poi ha sussurrato "Geronimo".
    mi ha ricordato "Gerico".

    volevo fare l'amore con entrambe.

    love, mod

    RispondiElimina
  5. geronimo sarebbe bello come soprannome se non fosse per le affinità col figlio di la russa...
    mi piacerebbe tornare a fare l'amore.
    per ora mi accontento di guardarlo in sincopati video pornografici.
    mangiarsi il proprio dolore fisico: ci sarebbe da farci un libro.
    tanto amore a te.

    RispondiElimina