martedì 27 ottobre 2009

siderurgia

Quando sbaglio, sbaglio grosso.
Mi salva in corner l'onestà. Alla fine son tutta istinto e vaginite.
Mi sto attivando per essere qualcosa di nuovo, ancora.
Sono meglio di un transessuale, diciamo che sono transvitale.
Un giorno lo so che finalmente chiuderò gli occhi senza più riaprirli.
Ma fino ad allora, voglio rovinarmi.
Umanamente, interiormente e fisicamente.
Voglio vedere fino a dove arriva la mia ambizione a non concludere davvero niente di importante nella mia vita.

Spot del blog (30' che mi pago personalmente):
Tu che da anni mi stressi la minchia e non hai ancora capito la differenza che passa dalla finzione del blog alla mia vita; tu che continui a scrivermi messaggi avulsi dalla realtà; tu che credi che io abbia il piacere di incontrarti; tu che continui a parlare di cose che pensi mi riguardino e credi di sapere tutto di me: ecco tu, che hai esattemente capito chi sei, è l'ora di andartene affanculo.

Mai avrai l'onore di vedere il tuo nome sul mio blog.

10 commenti:

  1. ti senti transvitale? Fantastico. Io tra una stagione e l'altra mi sento tridimensionale

    RispondiElimina
  2. tenera gerico scusa la citazione pedante ma qua ci sta come il cacio sui maroni: "Essere liberi significa emanciparsi dalla ricerca di un destino, rinunciare a far parte sia degli eletti sia dei reprobi, essere liberi significa esercitarsi a non essere niente" (E. Cioran)

    RispondiElimina
  3. leggere la tua roba a quest'ora mi mette dell'umore adatto!

    RispondiElimina
  4. fabrax: hai capito che ho bisogno di cazzo.Tridimensionale, sempre...la bidimensionalità è da anoressiche.
    GCoopo: quindi io cerco la libertà.
    Modesty: sono troppo triste?

    RispondiElimina
  5. minchia mi ricorda un passaggio del film "il silenzio degli innocenti" non è che giri per la pianura padana cercando di rapire trans per cucirti addosso un vestito di pelle umana..vero?

    RispondiElimina
  6. Anch'io sbaglio sempre. Riesco sempre a fare qualche stronzata e prendere il mal di gola, sapendo di farla.

    RispondiElimina
  7. Ah, dimenticavo: dagliela cusì at lev ad maròn.

    RispondiElimina
  8. naaa, baby, you're doin' fine.
    mi fai venire voglia di darle (non -la!), semmai...:))))

    RispondiElimina
  9. anonimo:banale...
    scritti:perservera
    modesty:ma darla a me?

    RispondiElimina
  10. ...darLE!!!
    e no....non a te.

    :-O

    RispondiElimina