venerdì 3 settembre 2010

a sapervelo spiegare

vivo ancora quella lentezza nostalgica del post ferie.
benchè abbia avuto già i sintomi della diarrea post prandiale che mi coglie quando mi nutro della merda del bar nella piazzetta.
ma è più forte di me.
devo mangiare quel vitello tonnato, che è un po' come la Luisona di Benni.
fettine di carne ricoperte da una salsa al tonno in scatola, adornate da capperi di bassa fortuna pieni/carichi di acido e aceto.
prendo la fettina, la giro e ogni volta con un brivido di perversione scopro un colore che vira al turchese.
e la mangio.
una dietro l'altra.

4 commenti:

  1. E' quasi domenica. Sei ancora viva?

    RispondiElimina
  2. Anche io sto vivendo " quella lentezza nostalgica del post ferie", anche se per me riguarda il post esame di maturità. Sto studiando per i test universitari e mi nutro giorno e notte di soli salatini e fatte di formaggio...saranno più nocivi questi, o il vitello tonnato?
    Non avevo mai commentato...complimenti per il blog, mi piace molto! :)

    RispondiElimina
  3. Si mangia cio che piace.. e piace di scuro.
    Ciao
    Maurizio

    RispondiElimina
  4. @lorenzo: sono viva, ma quel dì ebbi la cacca brutta.
    @deepeyes: grazie mille, e mangia anche la verdura che fa bene!
    uif: a me lo scuro nel piatto non piace, sono per i colori.

    RispondiElimina